Non è vero, ma ci credo

No Comment - Post a comment

La macumba inflittagli da papà Kyenge lo ha messo al tappeto. Dopo le sei operazioni chirurgiche, le due soste in rianimazione e una in terapia intensiva, la morte della madre e la frattura di due dita e due vertebre, Calderoli non è più lo stesso.
Un sabato mattina qualunque ha incrociato un napoletano (riconoscibile a distanza dall’afrore e dai movimenti chiaramente sospetti) e si è trattenuto dall’invitarlo a far ritorno in Africa per paura che anche i suoi antenati potessero scagliargli addosso una macumba terrona, di quelle terribili: e se una mattina si fosse svegliato con la parlata di Massimo Troisi? E se i suoi lineamenti gentili improvvisamente avessero virato verso sud trasformandolo nel sosia del Tartufon? Meglio non rischiare, tirare dritto e fare finta che i napoletani siano persone normali.
Stesso copione con i musulmani e con i negri: profilo basso e parole di distensione. Calderoli ha implorato il ritiro della macumba o almeno il numero di un buon esorcista, ma al momento nessuno si è fatto vivo; il miglior candidato sarebbe il religioso che sta provando a liberare da anni il Pd dall’oscura presenza di D’Alema, ma pare che ne abbia ancora per un po’.

Da "Veleno", inserto satirico di Libero

 
This Post has No Comment Add your own!

Posta un commento