1 giugno 2010

Addicted

E' durata solo alcune ore la speranza di vedere Napolitano non firmare un foglio passatogli da Berlusconi. Poi è riuscito a trovare la penna che la moglie gli aveva nascosto tra i gerani e la speranza è morta. Ancora una volta. Nessuno si è meravigliato: la settimana scorsa Napolitano ha fatto visita ad Obama e l'imbarazzante scena a cui hanno dovuto assistere Michelle e le bambine non lasciava dubbi su quale sarebbe stata la sua condotta una volta tornato in Italia. A questo punto spero che il Presidente trovi la forza di ammettere di avere un problema e si lasci accompagnare in una comunità per disintossicarsi. In collaborazione con Paola Antista, la disegnatrice israeliana che apre il fuoco sui pacifisti solo per legittima difesa

8 commenti:

paola ha detto...

che offesa... sssiiigh :(

silvio di giorgio ha detto...

:))

theyogi ha detto...

mai avuto dubbi che avrebbe firmato... aveva la penna di scorta! :(

silvio di giorgio ha detto...

theyogi
per un attimo abbiamo sperato. ma purtroppo si sa cosa fanno le dipendenze...

lino giusti ha detto...

;-)

ChaoLin LinGiù

silvio di giorgio ha detto...

O_O

:)

La Mente Persa ha detto...

Ma il Rolex glielo regala prima o dopo la firma?

silvio di giorgio ha detto...

gio', è malato: la sua soddisfazione sta nella firma...ad un tossico non devi regalare un rolex per convincerlo a farsi una pera. per questo dobbiamo aiutarlo...